L’affermazione sul San Gottardo

Nel 1910 Kaspar Winkler fondò la sua ditta. Le sue prime invenzioni furono prodotti per la protezione e la pulizia del granito (Conservado, Purigo) e una malta impermeabilizzante definita Sika. Nel 1911 la Kaspar Winkler & Co. venne iscritta nel registro di commercio. Unitamente a un chimico come comproprietario, Winkler tentava di smerciare i suoi prodotti. I primi anni furono molto difficili. La contabilità mostrava cifre rosse, soprattutto durante la prima guerra mondiale. Fino al 1917 gli affari non andavano per nulla bene. L’affermazione giunse nel 1918 quando le Ferrovie Federali Svizzere eseguirono prove riuscite con il prodotto Sika-1 nell’impermeabilizzazione delle gallerie sulla tratta del San Gottardo. Proprio al momento giusto: con il passaggio dalle locomotive a vapore e quelle elettriche, l’argomento diventava molto importante.

In seguito la Kaspar Winkler & Co. tentò la sua fortuna anche all’estero. Ma ampliare le occasionali esportazioni fu un'impresa difficile. Un primo tentativo di vendere licenze in tutto il mondo fallì. Al secondo tentativo, nel 1921, si riuscì a fondare una piccola società affiliata con produzione propria nella Germania meridionale. La penuria di forze dirigenti e le relazioni insufficienti resero difficoltosa l’espansione. Si tentò di ovviare a questi inconvenienti con l’impiego di un direttore per gli affari all'estero. Dal 1926 a 1928 questo fondò società in Inghilterra, in Italia e in Francia. I contratti stipulati con furbizia rendevano impossibile licenziarlo. Nel 1928 Fritz Schenker, genero di Kaspar Winkler, entrò a far parte della direzione della ditta e rapidamente fece capire a suo suocero quanto fossero svantaggiosi per la ditta i contratti con tale direttore.

Così che iniziò un processo della durata di tre anni. Nel 1932 si sentenziò quanto segue: il direttore per gli affari all’estero manteneva le società affiliate in Germania e in Italia e i diritti di marchio in numerosi altri paesi. In questo modo venne diviso il mercato europeo. Schenker continuò a perseguire con tenacia l’espansione a livello mondiale, così che nel 1935 Sika era rappresentata in Europa, in Sudamerica e in Asia.